Heritage /
Storia

 

HERITAGE /
STORIA

  • 1937
    1937

    remo paoletti 

    Remo Paoletti
    uomo intraprendente e istrionico, si trasferisce ad Asmara in Eritrea, dove da vita ad alcune attività artigianali (produzione tappi corona per bottiglie, lamette da barba, fiammiferi e altro).
  • 1947
    1947

     

    Remo Paoletti torna in Italia, nella bottega sotto casa, nel rione produttivo della città di Jesi, fonda lo Scatolificio Jesino. Costruisce, con macchine rudimentali, semplici scatole per pelletteria e articoli vari per aziende dell'epoca. Un'attività produttiva fiorente nella quale coinvolge i tre figli e alcuni sapienti artigiani.
  • 1970
    1970

     

    Dopo aver sposato una donna forte che già da giovanissima era alle dipendenze dello Scatolificio, Renzo, il figlio di Remo, fonda la Cartotecnica Jesina. Azione imprenditoriale incoraggiata proprio da sua moglie e condivisa anche con un fratello e la consorte. Costruisce il primo fabbricato nella nuova zona industriale di Jesi, un atto pionieristico.
  • 1973
    1973

     

    Il sogno è quello di produrre scatole in una visione di futuro industriale con un ciclo completo tutto interno  senza lavorazioni esterne. Si acquistano macchine da stampa (Roland).
  • 1977
    1977

     

    La visione industriale e la volontà di migliorare il ciclo produttivo obbliga la sostituzione delle macchine fustellatrici manuali (Erba-Rabolini) con una automatica auto-platina (Bobst 1260) e l’inserimento di una piega-incolla (Grassi) per produrre imballi personalizzati ed offrire un'ampia gamma di soluzioni a clienti differenti.
  • 1983
    1983

     

    Lo spazio produttivo ha la necessità di un ulteriore ampliamento e si costruisce in adiacenza all'esistente un nuovo capannone per lo stoccaggio delle materie prime e del prodotto finito e per l'insediamento dei nuovi uffici.

  • 1987
    1987

     

    I nuovi mercati e la relazione con clienti importanti portano a nuovi investimenti per avere più competitività e grande qualità di stampa.
    Si acquista la macchina da stampa (Roland Ultra) di grande formato a quattro colori.
  • 1990
    1990

     

    Conseguentemente all’uso di macchinari da stampa per grande formato, se ne acquistano altri, come l’auto-platina (Bobst 1420) che fa aumentare le prestazioni produttive grazie anche alle collaborazioni con importanti fustellifici italiani.
  • 1991
    1991

     

    Dopo aver aperto le porte alla terza generazione con l’entrata in azienda di Andrea e Stefania, si decide di acquistare una nuova piega-incolla (Bobst Domino), che permette maggiori velocità per realizzare alti quantitativi. L'ampliamento dell'offerta verte su una gamma merceologica sempre più vasta con scatole fondo a scatto, esagonali e a 4/6 punti colla.

  • 1997/1998
    1997/1998

     

    Si festeggiano i cinquant'anni di storia, oltre che l'eccellente reputazione decretata dai mercati. Ad aumentare la forza familiare è Diego, fratello di Andrea e Stefania, già in supporto all'azienda.
  • 1997/1998
    1997/1998

     

    Un ulteriore investimento viene fatto nell'acquisto di un lotto adiacente per costruire un altro capannone per un unico plant organico.
    La nuova organizzazione consente la sfida ai mercati delle grandi tirature.
  • 1999
    1999

     

    Questo è il momento di dare slancio all’azienda per emergere, si investe in una macchina da stampa modernissima a 5 colori+verniciatura (Roland 900). Nei successivi sei anni si raddoppieranno superficie e fatturato.

  • 2000
    2000

     

    Il nuovo secolo suggerisce passi importanti. Metodi e procedure, mansioni e responsabilità vengono organizzati con le ISO 9001, insieme alla formazione del Millenium Team, un vero staff affiatato per interagire con il cliente.

  • 2004
    2004

     

    Consapevole delle proprie potenzialità, la proprietà aziendale (famiglia Paoletti) progetta e realizza un nuovo reparto di prestampa affidato al flusso digitale per produrre alte tirature a qualità controllata.

  • 2006/2008
    2006/2008

     

    Nuove strategie e nuovi investimenti sulla fustellatura con due macchine gemelle (Bobst 142-E) e nel reparto piega-incolla (Bobst Alpina 145) per grandi formati. Aumento della capacità produttiva del 50%.
  • 2006/2008
    2006/2008

     

    Nuove strategie e nuovi investimenti sulla fustellatura con due macchine gemelle (Bobst 142-E) e nel reparto piega-incolla (Bobst Alpina 145) per grandi formati. Aumento della capacità produttiva del 50%.
  • 2008
    2008

     

    L'industrializzazione grafica e la prototipazione  sono rinnovate con maestranze e attrezzature: nuovo software CAD e un performante plotter da disegno e taglio (Konsberg XL 20). Il nuovo assetto fa crescere la velocità della proposta creativa.
  • 2010
    2010

     

    La vision di Renzo è realtà, un sogno di una vita imprenditoriale concretizzato in un’azienda efficiente che produce alta qualità.
  • 2011/2013
    2011/2013

     

    Una nuova vision viene orientata e condivisa ad ogni livello aziendale. Si conseguono le certificazioni UNI EN ISO 22.000 e BRC/IOP che assicurano il sistema di gestione per la sicurezza alimentare del packaging, la FSC e la PEFC.

  • 2013
    2013

     

    L'esigenza di ottimizzare le risorse energetiche e l'attenzione all'ambiente fanno decidere per il solare. Pannelli fotovoltaici coprono un intero fabbricato per produrre corrente elettrica e alimentare l'azienda.

  • 2013
    2013

     

    Arriva il nuovo CARTONPACK GT BOBST La tecnologia sempre più a supporto delle risorse umane
  • 2014 | Terra di Grandi Imprese
    2014 | Terra di Grandi Imprese

     

    Con il titolo - Terra di Grandi Imprese - si festeggiano i 50 anni della Z.I.P.A. di Jesi, dove Cartotecnica Jesina, erigendo la prima costruzione, ha fatto da precursore della zona industriale, costruita sul vecchio aeroporto militare della seconda guerra mondiale.

    leggi tutto...

  • 2015 | Il reparto logistica
    2015 | Il reparto logistica

     

    “Più dinamici con Jungheinrich”
    Cartotecnica Jesina ha scelto un partner di rilievo internazionale, Jungheinrich, per allestire il nuovo magazzino a scaffali mobili compattabile, che permette lo stoccaggio dei pallet, una miglior gestione e la pianificazione delle spedizioni al cliente.
  • 2015 | La nuova macchina da stampa
    2015 | La nuova macchina da stampa

     

    “Più competitivi con Roland 906 6 LV HiPrint”
    Dal 1973, Cartotecnica Jesina investe nella tecnologia Roland e oggi la fiducia al partner continua con l'affiancamento alla Roland 905 esistente di una nuova Roland 906 6 LV HiPrint che permetterà, grazie al know-how aziendale, di raddoppiare l’offerta produttiva e avere maggior flessibilità nella garanzia dell'eccellenza di stampa.  
  • 2016 | Nuovo bilico “vestito Cartotecnica Jesina”
    2016 | Nuovo bilico “vestito Cartotecnica Jesina”

     

    "Logistica branding"
    La logistica delle spedizioni sono curate con un autoarticolato brandizzato Cartotecnica Jesina, che permette una veloce e pronta gestione delle consegne ai clienti in base ai fabbisogni dei loro apparati industriali in modo da garantire sempre la presenza del packaging nelle loro linee produttive. Si garantiscono così: un'elevata flessibilità con risposte certe ed immediate anche ad esigenze temporali improvvise e particolari della clientela.
  • 2016 | La nuova piegaincolla
    2016 | La nuova piegaincolla

     

    “ Più veloci con Bobst Expertfold 110 ”
    La nuova Bobst Expertfold 110 potenzierà ulteriormente l’offerta produttiva affiancando le altre piegaincolla esistenti. Le alte perfomance della macchina amplieranno notevolmente la capacità produttiva con maggiore flessibilità, grazie alla memorizzazione dei lavori eseguiti per ridurre i tempi di set up, al lettore presenza colla e a codici anti frammischiamento in linea.
  • 2016 | La nuova finestratrice
    2016 | La nuova finestratrice

     

    In Cartotecnica Jesina è operativa la nuova macchina finestratrice, la -WPS 1100 Proliner- costruita dai pionieri tedeschi delle finestratrici automatiche -Heiber+Schröder- e leader di mercato. La sua missione è chiara. Installare finestre su astucci, scatole e ogni tipo d’imballo con precisione, velocità nel taglio e l’affidabilità di un sistema rotativo per l’incollaggio del diaframma trasparente, ultima separazione del packaging dall’ambiente esterno. Flessibilità intelligente per una attrezzatura sinergica all’organizzazione della produzione.
  • Finestre / Interfaccia
    Finestre / Interfaccia

     

    Il Packaging si apre al mondo, al fine di mostrare il proprio contenuto attraverso finestrature per offrire al consumatore la visione del prodotto inscatolato e la sua riconoscibilità istantanea. Cartotecnica Jesina ha un sistema operativo con unica interfaccia condiviso con milioni di pezzi per dare la possibilità al prodotto inscatolato di affacciarsi sui mercati del mondo.
  • Oggi / Domani
    Oggi / Domani

     

    Il 2016 si apre con l’avvento di nuove tecnologie e strutture: un’innovativa macchina da stampa, una nuova piega-incolla, una nuova finestratrice, il completamento di un magazzino logistico e la prima visione del nuovo stabilimento in progetto. Le sfide più impegnative per il futuro non riguardano solo le tecnologie ma piuttosto le risorse umane: viene previsto l’inserimento di nuove figure di alto profilo nei ruoli chiave dell’azienda e il miglioramento nella gestione dei processi aziendali, per sostenere la crescita in atto e incentivare nuove, ambiziose, visioni del domani.
  • “watch and walk”
    “Watch and Walk”

     

    Osservare le mutazioni dei tempi, gestire le nuove variabili in gioco, intuire le esigenze degli stakeholder, assecondare le necessità di rinnovamento. Azioni che la nostra mission ci impone costantemente come intenti di realizzazione per i nostri valori aziendali. Generazioni a confronto per il bene di una squadra che cammina insieme per vincere le sfide del momento.
1937

1937

uomo intraprendente e istrionico, si trasferisce ad Asmara in Eritrea, dove da vita ad alcune attività artigianali (produzione tappi corona per bottiglie, lamette da barba, fiammiferi e altro).

1947

1947

Remo Paoletti torna in Italia, nella bottega sotto casa, nel rione produttivo della città di Jesi, fonda lo Scatolificio Jesino. Costruisce, con macchine rudimentali, semplici scatole per pelletteria e articoli vari per aziende dell'epoca. Un'attività produttiva fiorente nella quale coinvolge i tre figli e alcuni sapienti artigiani.

1970

1970

Dopo aver sposato una donna forte che già da giovanissima era alle dipendenze dello Scatolificio, Renzo, il figlio di Remo, fonda la Cartotecnica Jesina. Azione imprenditoriale incoraggiata proprio da sua moglie e condivisa anche con un fratello e la consorte. Costruisce il primo fabbricato nella nuova zona industriale di Jesi, un atto pionieristico.

1973

1973

Il sogno è quello di produrre scatole in una visione di futuro industriale con un ciclo completo tutto interno  senza lavorazioni esterne. Si acquistano macchine da stampa (Roland).

1977

1977

La visione industriale e la volontà di migliorare il ciclo produttivo obbliga la sostituzione delle macchine fustellatrici manuali (Erba-Rabolini) con una automatica auto-platina (Bobst 1260) e l’inserimento di una piega-incolla (Grassi) per produrre imballi personalizzati ed offrire un'ampia gamma di soluzioni a clienti differenti.

1983

1983

Lo spazio produttivo ha la necessità di un ulteriore ampliamento e si costruisce in adiacenza all'esistente un nuovo capannone per lo stoccaggio delle materie prime e del prodotto finito e per l'insediamento dei nuovi uffici.

1987

1987

I nuovi mercati e la relazione con clienti importanti portano a nuovi investimenti per avere più competitività e grande qualità di stampa.
Si acquista la macchina da stampa (Roland Ultra) di grande formato a quattro colori.

1990

1990

Conseguentemente all’uso di macchinari da stampa per grande formato, se ne acquistano altri, come l’auto-platina (Bobst 1420) che fa aumentare le prestazioni produttive grazie anche alle collaborazioni con importanti fustellifici italiani.

1991

1991

Dopo aver aperto le porte alla terza generazione con l’entrata in azienda di Andrea e Stefania, si decide di acquistare una nuova piega-incolla (Bobst Domino), che permette maggiori velocità per realizzare alti quantitativi. L'ampliamento dell'offerta verte su una gamma merceologica sempre più vasta con scatole fondo a scatto, esagonali e a 4/6 punti colla.

1997/1998

1997/1998

Si festeggiano i cinquant'anni di storia, oltre che l'eccellente reputazione decretata dai mercati. Ad aumentare la forza familiare è Diego, fratello di Andrea e Stefania, già in supporto all'azienda.

1997/1998

1997/1998

Un ulteriore investimento viene fatto nell'acquisto di un lotto adiacente per costruire un altro capannone per un unico plant organico.
La nuova organizzazione consente la sfida ai mercati delle grandi tirature.

1999

1999

Questo è il momento di dare slancio all’azienda per emergere, si investe in una macchina da stampa modernissima a 5 colori+verniciatura (Roland 900). Nei successivi sei anni si raddoppieranno superficie e fatturato.

2000

2000

Il nuovo secolo suggerisce passi importanti. Metodi e procedure, mansioni e responsabilità vengono organizzati con le ISO 9001, insieme alla formazione del Millenium Team, un vero staff affiatato per interagire con il cliente.

2004

2004

Consapevole delle proprie potenzialità, la proprietà aziendale (famiglia Paoletti) progetta e realizza un nuovo reparto di prestampa affidato al flusso digitale per produrre alte tirature a qualità controllata.

2006/2008

2006/2008

Nuove strategie e nuovi investimenti sulla fustellatura con due macchine gemelle (Bobst 142-E) e nel reparto piega-incolla (Bobst Alpina 145) per grandi formati. Aumento della capacità produttiva del 50%.

2006/2008

2006/2008

Nuove strategie e nuovi investimenti sulla fustellatura con due macchine gemelle (Bobst 142-E) e nel reparto piega-incolla (Bobst Alpina 145) per grandi formati. Aumento della capacità produttiva del 50%.

2008

2008

L'industrializzazione grafica e la prototipazione  sono rinnovate con maestranze e attrezzature: nuovo software CAD e un performante plotter da disegno e taglio (Konsberg XL 20). Il nuovo assetto fa crescere la velocità della proposta creativa.

2010

2010

La vision di Renzo è realtà, un sogno di una vita imprenditoriale concretizzato in un’azienda efficiente che produce alta qualità.

2011/2013

2011/2013

Una nuova vision viene orientata e condivisa ad ogni livello aziendale. Si conseguono le certificazioni UNI EN ISO 22.000 e BRC/IOP che assicurano il sistema di gestione per la sicurezza alimentare del packaging, la FSC e la PEFC.

2013

2013

L'esigenza di ottimizzare le risorse energetiche e l'attenzione all'ambiente fanno decidere per il solare. Pannelli fotovoltaici coprono un intero fabbricato per produrre corrente elettrica e alimentare l'azienda.

2013

2013

Arriva il nuovo CARTONPACK GT BOBST La tecnologia sempre più a supporto delle risorse umane.

2014 | Terra di Grandi Imprese

2014 | Terra di Grandi Imprese

Con il titolo - Terra di Grandi Imprese - si festeggiano i 50 anni della Z.I.P.A. di Jesi, dove Cartotecnica Jesina, erigendo la prima costruzione, ha fatto da precursore della zona industriale, costruita sul vecchio aeroporto militare della seconda guerra mondiale.

2015 | Il reparto logistica

2015 | Il reparto logistica

“Più dinamici con Jungheinrich”
Cartotecnica Jesina ha scelto un partner di rilievo internazionale, Jungheinrich, per allestire il nuovo magazzino a scaffali mobili compattabile, che permette lo stoccaggio dei pallet, una miglior gestione e la pianificazione delle spedizioni al cliente.

2015 | La nuova macchina da stampa

2015 | La nuova macchina da stampa

“Più competitivi con Roland 906 6 LV HiPrint”
Dal 1973, Cartotecnica Jesina investe nella tecnologia Roland e oggi la fiducia al partner continua con l'affiancamento alla Roland 905 esistente di una nuova Roland 906 6 LV HiPrint che permetterà, grazie al know-how aziendale, di raddoppiare l’offerta produttiva e avere maggior flessibilità nella garanzia dell'eccellenza di stampa.  

2016 | Nuovo bilico “vestito Cartotecnica Jesina”

2016 | Nuovo bilico “vestito Cartotecnica Jesina”

"Logistica branding"
La logistica delle spedizioni sono curate con un autoarticolato brandizzato Cartotecnica Jesina, che permette una veloce e pronta gestione delle consegne ai clienti in base ai fabbisogni dei loro apparati industriali in modo da garantire sempre la presenza del packaging nelle loro linee produttive. Si garantiscono così: un'elevata flessibilità con risposte certe ed immediate anche ad esigenze temporali improvvise e particolari della clientela.

2016 | La nuova piegaincolla

2016 | La nuova piegaincolla

“ Più veloci con Bobst Expertfold 110 ”
La nuova Bobst Expertfold 110 potenzierà ulteriormente l’offerta produttiva affiancando le altre piegaincolla esistenti. Le alte perfomance della macchina amplieranno notevolmente la capacità produttiva con maggiore flessibilità, grazie alla memorizzazione dei lavori eseguiti per ridurre i tempi di set up, al lettore presenza colla e a codici anti frammischiamento in linea.

2016 | La nuova finestratrice

2016 | La nuova finestratrice

In Cartotecnica Jesina è operativa la nuova macchina finestratrice, la -WPS 1100 Proliner- costruita dai pionieri tedeschi delle finestratrici automatiche -Heiber+Schröder- e leader di mercato. La sua missione è chiara. Installare finestre su astucci, scatole e ogni tipo d’imballo con precisione, velocità nel taglio e l’affidabilità di un sistema rotativo per l’incollaggio del diaframma trasparente, ultima separazione del packaging dall’ambiente esterno. Flessibilità intelligente per una attrezzatura sinergica all’organizzazione della produzione.

Finestre / Interfaccia

Finestre / Interfaccia

Il Packaging si apre al mondo, al fine di mostrare il proprio contenuto attraverso finestrature per offrire al consumatore la visione del prodotto inscatolato e la sua riconoscibilità istantanea. Cartotecnica Jesina ha un sistema operativo con unica interfaccia condiviso con milioni di pezzi per dare la possibilità al prodotto inscatolato di affacciarsi sui mercati del mondo.

Oggi / Domani

Oggi / Domani

Il 2016 si apre con l’avvento di nuove tecnologie e strutture: un’innovativa macchina da stampa, una nuova piega-incolla, una nuova finestratrice, il completamento di un magazzino logistico e la prima visione del nuovo stabilimento in progetto. Le sfide più impegnative per il futuro non riguardano solo le tecnologie ma piuttosto le risorse umane: viene previsto l’inserimento di nuove figure di alto profilo nei ruoli chiave dell’azienda e il miglioramento nella gestione dei processi aziendali, per sostenere la crescita in atto e incentivare nuove, ambiziose, visioni del domani.

“watch and walk”

“watch and walk”

Osservare le mutazioni dei tempi, gestire le nuove variabili in gioco, intuire le esigenze degli stakeholder, assecondare le necessità di rinnovamento. Azioni che la nostra mission ci impone costantemente come intenti di realizzazione per i nostri valori aziendali. Generazioni a confronto per il bene di una squadra che cammina insieme per vincere le sfide del momento.

I cookies vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookies impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più leggi la Privacy Policy.

Accetto i cookies da questo sito